Risultati per:

  • Autore: DAVIDE CONTI
Modifica ricerca

COMMENTO

Fratelli d’Italia: la storia su commissione

ITALIA. La proposta di Fratelli d'Italia di istituire una «commissione parlamentare d'inchiesta sulla violenza politica negli anni 1970-1989» rappresenta l'ennesimo tentativo di ricerca di catarsi repubblicana dei post-fascisti al governo. Un irricevibile e maldestro tentativo di riscrittura della storia del Paese finalizzato a...

COMMENTO

Storia inventata e Msi, partito impresentabile

ITALIA. «Me ne frego delle liturgie!», «onore ai fondatori e ai militanti!» e «non rinnego le mie idee!». Non sono cori da stadio da curva neofascista. Sono le dichiarazioni di Ignazio La Russa, Presidente del Senato, e di Isabella Rauti.Sottosegretaria alla Difesa, Esponenti di primo piano della...

COMMENTO

Piazza Fontana, verità e giustizia secondo Meloni

ITALIA/MILANO . Il 12 dicembre 2019, cinquantesimo anniversario della strage di Piazza Fontana, l’allora deputata Giorgia Meloni postò sul proprio profilo twitter un messaggio in cui (pur non indicando chi e perché avesse compiuto il massacro) invitava a «non dimenticare le vittime innocenti di quella barbarie» esortando...

CULTURA/TAGLIO MEDIO

«Caso Ghersi», decostruire una leggenda antipartigiana

ITALIA. Negli ultimi tre decenni si è diffusa nello spazio pubblico, in modo sempre più invasivo e permeante, una lettura della storia rovesciata e distorta che mira a divellere le radici fondative della Repubblica costituzionale antifascista rimpiazzandole con uno sbilenco richiamo alla cosiddetta «democrazia liberale»...

CULTURA/TAGLIO BASSO

Franco Antonicelli, le sue vicende personali intrecciate ai destini d’Italia

ITALIA. La traiettoria biografica di Franco Antonicelli rappresenta senza dubbio un prisma attraverso cui poter leggere le diverse angolature del Novecento italiano. La profondità culturale che nel corso della sua vita riuscì a declinare attorno alla misura dell’azione e dell’impegno politico ne fa una figura tanto...

COMMENTO

Valditara ministro della «verità»

ITALIA/ROMA. Nell’era egemonica dei media di massa (e della massa dei media) unire grossolanità storico-concettuali e propaganda politica è attività spesso capace di produrre chiasso e rumore.Se poi a cimentarsi in quest’opera è un membro del governo, il miscuglio mal amalgamato è destinato a deflagrare....

COMMENTO

Un falso passato per governare il presente

ITALIA/ROMA. Nelle elezioni politiche del 7 giugno 1953 il Msi triplicò i suoi voti rispetto al 1948, portando in Parlamento 38 tra deputati e senatori. I fascisti, da poco rientrati da latitanze e fughe dopo il crollo dello stato fantoccio di Salò, cominciavano ad accomodarsi.Sistemandosi all’interno di quelle istituzioni...

CULTURA/APERTURA

Quell’inedita sfida politica del fascismo

ITALIA/ROMA. Il 21 luglio 1921 a Sarzana una colonna di cinquecento fascisti capeggiati da Amerigo Dumini (futuro assassino di Giacomo Matteotti) si presentò alla stazione ferroviaria per assaltare la cittadina e ottenere la scarcerazione di Renato Ricci, arrestato per omicidi e violenze squadriste. L’azione fu respinta da militari e...

CULTURA/TAGLIO BASSO

Un podcast racconta il «viaggio al termine della notte» attraverso i giornali dell’epoca

ITALIA/ROMA. Gli eventi che cambiarono il senso della storia d’Italia il 28 ottobre 1922 potrebbero essere definiti la cronaca di una tragedia annunciata. Ogni passo, ogni evento, ogni azione (o inazione) della classe dirigente dello Stato liberale, ogni assalto dello squadrismo fascista ed ogni incertezza e contraddizione dello schieramento...

POLITICA/COMMENTO

Il neo eletto svicola sui tre pilastri dell’antifascimo

ITALIA/ROMA. Ignazio La Russa, dopo un’elezione contrastata da una parte della sua stessa maggioranza, parla dallo scranno più alto del Senato dopo le parole alte e nobili di Liliana Segre. Si relaziona ad esse fugacemente, stando attento a non affrontarle per quelle che sono e per quello che significano, all’inizio di una...

COMMENTO

La destra alle porte, l'ultima regressione della democrazia

ITALIA. È da una frase di Almirante, pronunciata al congresso del Msi nel 1956, che si può partire per disegnare la traiettoria storico-politica del «partito della fiamma» e per descrivere la salute del Paese a poche ore dal voto: «L'equivoco, cari camerati, è uno e si chiama essere fascisti in...

PRIMA/COMMENTO

Le ombre del passato sulla Costituzione

ITALIA. Il 27 gennaio 1995 il congresso di Fiuggi chiudeva la storia dell'ultimo partito della «prima repubblica» rimasto in vita dopo il crollo del muro di Berlino e l'inchiesta giudiziaria «mani pulite». Si compiva così per il Msi una parabola iniziata il 26 dicembre 1946. Con la sua fondazione semi-clandestina e...

ULTIMA/APERTURA

Addio a Mario Fiorentini simbolo di Resistenza

ITALIA/ROMA. La scomparsa di Mario Fiorentini rende l’Italia e Roma orfane dell’ultimo comandante partigiano dei Gruppi di Azione Patriottica del Pci. La sua biografia, se non un unicum, rappresenta certamente un percorso umano rarissimo e assolutamente estraneo all’ordinario.La matrice azionista della sua formazione politica, le...

COMMENTO

L’esilio civile del più grave attentato del Paese

ITALIA/BOLOGNA. Una democrazia compiuta non avrebbe dovuto permettere che il tragico peso della strage di Bologna del 2 agosto 1980 (85 morti e 200 feriti) ricadesse interamente per decenni sulle spalle e sulla memoria personale delle vittime e dei loro familiari.Tuttavia, pur rappresentando un prisma con cui poter leggere non solo le tante sfaccettature...

COMMENTO

Ora la Germania condannata non è più immune

GERMANIA/ITALIA/MARZABOTTO. La sentenza del Tribunale di Bologna che ieri ha condannato la Germania a risarcire i familiari delle vittime della strage di Monte Sole-Marzabotto perpetrata dalle Waffen SS nei giorni 29 settembre-5 ottobre 1944 (800 persone assassinate) segna un passaggio di rilevanza giuridica.Un passaggio molto importante rispetto alla cosiddetta...

ULTIMA/APERTURA

Cento anni da ribelle

ITALIA/ROMA. «Sono nato il 22 giugno del 1922, qualche mese prima della marcia su Roma. Quindi si può star certi che non vi ho partecipato!». Era così che Rosario Bentivegna iniziava il racconto della sua esperienza di antifascista e partigiano. Salvo concludere che «la marcia su Roma fu un bluff sul piano militare ma...

SOCIETA/APERTURA

Carlo Smuraglia, il partigiano avvocato della democrazia

ITALIA/MILANO. La figura di Carlo Smuraglia ha incarnato uno degli ultimi corpi fisici e politici dei padri e delle madri della Repubblica. Ciò perché il segno indelebile della Resistenza contro il nazifascismo, da lui combattuta come volontario del Corpo Italiano di Liberazione nella Divisione Cremona (inquadrata alle dipendenze militari...

COMMENTO

Quando la storia è usata sul campo di battaglia

RUSSIA/UCRAINA. Con queste parole, il 21 febbraio scorso, Vladimir Putin ha, di fatto, annunciato alla nazione l'inizio della guerra in Ucraìna: «L'Ucraìna contemporanea è stata completamente e interamente creata dalla Russia». «Per la precisione - ha continuato - dalla Russia comunista e bolscevica. Dopo la...

COMMENTO

Attacchi all’Anpi, il default dell’informazione

ITALIA/UCRAINA/RUSSIA . Sul dirimente tema della guerra e attorno all’Anpi, istericamente aggredita da settimane, si è manifestata una profonda crisi che pare ormai cronica: l’inadeguatezza dell’informazione italiana. Essa marcia compatta insieme alla crisi della politica incapace, dal canto suo, di svolgere la propria funzione nello...

COMMENTO

Uso (e abuso) politico della Storia

RUSSIA/ITALIA. L’uso pubblico della storia di Stati e governi non è certo elemento nuovo né circoscritto. In Italia però l’utilizzo strumentale del passato è divenuto un fenomeno a tal punto pervasivo da contrapporre le «politiche memoriali» (stabilite per legge dal Parlamento) agli eventi della...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it