Risultati per:

  • Autore: CRISTINA PICCINO
Modifica ricerca

VISIONI/TAGLIO BASSO

«Incroci sentimentali», i giochi pericolosi di coppia

FRANCIA. Premiato allo scorso Festival di Berlino in un anno particolarmente ispirato per Claire Denis, che ha trionfato anche a Cannes con Stars an Noon, Incroci sentimentali con Juliette Binoche – già insieme a Denis nella bella commedia L’amore secondo Isabelle – e Vincent Lindon è sostanzialmente una storia...

VISIONI/APERTURA

Conflitti quotidiani del presente, «War - La guerra desiderata»

ITALIA. La guerra è quella ipotetica che sta per scoppiare tra Italia e Spagna, senza ragioni «reali» - ma ve ne sono mai? - se non le solite che guidano scacchiere e strategie degli stati e delle politiche. La gente è spaesata, qualcuno terrorizzato, altri eccitati all'idea di poter diventare un «essere...

VISIONI/APERTURA

«Un anno, una notte», inventare un’altra vita dopo il trauma

FRANCIA/SPAGNA. Nei giorni successivi alla strage del Bataclan, la lettera aperta indirizzata ai terroristi del marito di una delle 130 persone uccise quella notte del 13 novembre 2015 a Parigi, tra la sala del concerto, i bar e i ristoranti lì intorno, era divenuta quasi un manifesto: «Non avrete il mio odio», scriveva Antoine Leiris,...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

Viesturs Kairiss: «Dovete reagire contro Putin»

ITALIA/ROMA. «Il 24 febbraio c’è stata la riprova che, nonostante il crollo dell’Urss, non sono cambiate molte cose. In Italia, quando avete deposto Mussolini, dopo il fascismo, siete diventati un Paese libero. Noi subiamo ancora le conseguenze di quella occupazione. In Lettonia, Lituania, Ucraina, non ci capacitiamo della...

VISIONI/APERTURA

«Il cerchio», a scuola per imparare a stare insieme

ITALIA/ROMA. Cosa ci raccontano i bambini e le bambine a scuola? Il cinema ha una sua speciale affezione per questo soggetto declinato più volte e in modo diverso al punto da essere divenuto quasi un archetipo - compreso il rischio di una facile banalizzazione. Perché non basta appunto il soggetto in sé, ci vuole ritmo, tempo,...

VISIONI/APERTURA

On the road con il neonato per inventare una comunità

COREA SUD. Una giovane donna nella notte lascia un bimbo davanti alla porta di una chiesa, la piccola insegna che indica «Baby box» - quasi una versione attualizzata della Ruota degli esposti - ci dice che si tratta di un centro di accoglienza per quei neonati che le mamme non possono tenere con sé, e dove hanno la...

VISIONI/TAGLIO BASSO

«La casa è di chi l’abita», il racconto col cinema di un’occupazione

ITALIA. La casa è di chi l’abita. E il tempo è dei filosofi. La canzone di Francesco Bertelli scritta in ricordo della Comune di Parigi - e qui «versione» Youngang - su cui scorrono i titoli di coda è quasi il controcampo del film di Luis Fulvio, che arriva in prima visione su Fuori orario - sabato, 8...

VISIONI/TAGLIO BASSO

Che fine ha fatto il cinema cinese? La censura paralizza indipendenti e non solo

CINA. Cosa sta accadendo al cinema cinese? E soprattutto a quello indipendente che è stato sempre laboratorio di un pensiero critico e per questo malvisto dal governo. La pandemia è divenuta l’occasione per aumentare la pressione sulla vita sociale, e con la pretesa del «contagio zero» il governo ha esacerbato la...

VISIONI/APERTURA

La resistenza è un’immagine mancante

IRAN. Lo scorso luglio Jafar Panahi è stato condannato in Iran a sei anni di carcere. Non era la prima volta che il regista, una delle voci di dissenso più ferme in Iran, subiva una condanna; già nel 2010, ai tempi dell’Onda verde, il movimento che chiedeva riforme nella vita civile e politica iraniana, Panahi che lo...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

Boutonnat, il presidente del Cnc rinviato a giudizio

FRANCIA/NANTERRE. Dominique Boutonnat, il presidente del Cnc, il più importante ente di finanziamento e supporto del cinema e dell’audiovisivo francesi è stato rinviato a giudizio per la presunta aggressione sessuale del figlioccio. Il ragazzo aveva sporto denuncia nell’ottobre del 2020 pochi mesi dopo i fatti che sarebbero...

VISIONI/APERTURA

«La notte del 12», un’inchiesta dentro al mondo dei maschi

FRANCIA. La notte del 12 a cui rimanda il titolo del film di Dominik Moll - in sala da oggi, dopo l’anteprima allo scorso festival di Cannes - è quella in cui una giovanissima ragazza viene uccisa in una zona intorno a Grenoble: bruciata viva mentre rientra dopo una serata a casa dell’amica del cuore a cui aveva mandato un video...

VISIONI/INTERVISTA

«Volevo esplorare la relazione con la violenza negli uomini»

FRANCIA. Tedesco da parte di padre (è nato a Bühl), francese da quella di madre, Dominik Moll (1962) ha studiato cinema a New York e a Parigi, alla Fémis, lavorando poi come assistente tra gli altri di Laurent Cantet, fino all’esordio con Intimité (1994). In questo suo settimo lungometraggio ritrova...

VISIONI/TAGLIO MEDIO

Uno smisurato desiderio di maternità ingabbiato da un’eccessiva vicinanza

FRANCIA. Rachel, insegnante quarantenne solare e allegra col suo nuovo amore, Ali - un uomo separato che ha un figlia piccolina, Leila - ha scoperto all'improvviso l'ansia della maternità. Da cui è sopraffatta a tal punto da perdere la consapevolezza di sé, riversando le proprie angosce persino sulla figlioletta del compagno...

VISIONI/INTERVISTA

Martone: «Ci ha insegnato a guardare la vita»

FRANCIA. Per una delle sue regie con il giovanissimo gruppo di Falso Movimento Mario Martone aveva scelto come riferimento il film di Godard, Alphaville: une étrange aventure de Lemmy Caution, 1965, in cui un agente segreto (lo interpretava Eddie Costantine) veniva mandato in missione su un pianeta di un’altra galassia dove erano...

VISIONI/BALCONE

Villa Medici, appuntamento con le immagini indipendenti

ITALIA/ROMA. Si apre domani la seconda edizione del Festival di Villa Medici che con la direzione artistica di Lili Hinstin sin pone l'obiettivo di esplorare le diverse piste del cinema indipendente. Per inaugurare è stato scelto La Montagne di Thomas Salvador - era allo scorso festival di Cannes, nella Quinzaine des Realisateurs- la storia di...

VISIONI/COMMENTO

L’indipendenza amorosa del cinema

ITALIA/VENEZIA. Ha vinto il cinema meno «fracassone» in una selezione che a volte è apparsa sbilanciata nei suoi percorsi, non sempre capace di equilibrare le proprie scelte. Un cinema senza gli effetti speciali emozionali e i sentimenti tronfi sovraesposti nella sua macchina produttiva mentale prima che di denaro (tipo quella dei film...

VISIONI/APERTURA

La telecamera per reinventare il mondo nello sguardo libero di Jonas Mekas

ITALIA/VENEZIA. I film per lui erano «Frammenti di Paradiso» nei quali provava a restituire gli scorci di bellezza che si aprivano al suo sguardo: emozioni, incontri, un fiore, il sorriso di un volto amato, i passi traballanti dei suoi bimbi, i sorrisi dei suoi amici. E le lunghe conversazioni intorno al tavolo del loro «loft», i...

VISIONI/APERTURA

Il cinema che non si arrende nella lente di Jafar Panahi

ITALIA/VENEZIA. C'è qualcosa di unico, che commuove e sorprende ogni volta nella passione di Jafar Panahi per il fare-cinema: un'ostinazione la sua morale, politica, e un gesto di resistenza con cui scomporre e ricomporre la realtà, l'umano, i conflitti, i paradossi; svelare quanto si cela dietro abitudini e sguardi pigri opponendo il...

VISIONI/APERTURA

La rivoluzione povera di «Chiara» in un universo tutto al maschile

ITALIA/VENEZIA. Chiara, il nome che dà il titolo al nuovo film di Susanna Nicchiarelli, l'ultimo dei cinque italiani in concorso è la santa che la narrazione comune associa alla figura di san Francesco, meno nota e spesso in secondo piano. Non è però un biopic a interessare la regista che come nei precedenti Nico 1988 (2017) e...

VISIONI/APERTURA

Marilyn secondo Dominik, vittima sacrificale senza ironia

ITALIA/VENEZIA. Blonde ovvero la vita e la morte di Marilyn Monroe, nata Norma Jeane, icona sublime dell’immaginario serializzata all’infinito. Un film attesissimo, ottimo lancio per accendere i riflettori dell’industria mondiale, dei media, delle folle sul Lido che sembra specie quest’anno essere una preoccupazione molto...

Supporta il manifesto e l'informazione indipendente

Il manifesto, nato come rivista nel 1969, è sinonimo di testata libera, indipendente e tagliente.
Logo archivio storico del manifesto
L'archivio storico del manifesto è un progetto del manifesto pubblicato gratis su Internet e aperto a tutti.
Vai al manifesto.it