Erdogan sfrutta l’attacco Isis: vertice con gli Usa su buffer zone

Ieri il presidente Usa Trump si è rivolto alle famiglie dei quattro militari uccisi a Manbij, nel nord della Siria, da un kamikaze dell’Isis, ma non ha detto di più: nessun riferimento al ritiro annunciato a metà dicembre. Di certo l’attentato è arrivato in un momento e in un luogo affatto casuali,...

Leila e Angela, due rivoluzionarie al fianco della curda Guven

Due donne per una donna, due simboli della lotta dei popoli per un simbolo della lotta di un popolo, due ex prigioniere politiche a una prigioniera politica: le voci di Leila Khaled e di Angela Davis si sono alzate, a poche ore di distanza, in solidarietà con Leyla Guven, parlamentare dell’Hdp, formazione della sinistra...

L’Isis c’è e colpisce Manbij: quattro marines tra le vittime

La telecamera di sorveglianza puntata su Sindis Street, nel centro di Manbij, cattura la brutale esplosione. Sono le 12.38 di ieri, ora locale. È l’ora di pranzo e il ristorante Qeser al Umaraa, come ogni giorno, è pieno. È lì dentro che un kamikaze si fa saltare in aria. Il bilancio è di 18 morti,...

Siria sotto zero, 15 bambini rifugiati uccisi dal freddo e dall’abbandono

Prima Norma, da ieri sera Miriam: sono i nomi dati alle tempeste che stanno colpendo da giorni il Medio Oriente. Neve, piogge, temperature sotto lo zero hanno già cominciato a uccidere: ieri l’Unicef ha denunciato la morte per congelamento di almeno 15 bambini siriani in due diversi campi profughi nel paese. Campi...

Mohammed Lofty minacciato dai servizi di al-Sisi, Roma indaga

Le autorità egiziane non usano il guanto di velluto ma non hanno nemmeno un minimo di decenza nella «gestione» dell’omicidio di Giulio Regeni. A POCHI GIORNI dal rilascio di Amal Fathy, attivista egiziana arrestata lo scorso maggio maggio e ora ai domiciliari con l’accusa di diffusione di notizie false e...

Censurata e costretta in esilio: il caso di Reem

Censurata, arrestata, torturata e costretta all’esilio: è la storia di una giornalista saudita, Reem Sulaiman, finita nel radar del braccio destro del delfino Mohammed bin Salman. Quel Saud al-Qahtani considerato uno degli autori dell’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi nel consolato dei Saud a Istanbul e...

Ritiro iniziato ma i marines restano in Siria. Anche l’Isis

Pochi dettagli e una mezza smentita: in tipico stile trumpiano, ieri gli Stati uniti hanno iniziato a ritirarsi dalla Siria. Ma i marines restano. L’annuncio lo aveva dato ieri mattina il colonnello Sean Ryan, portavoce della coalizione anti-Isis: «È iniziato il processo del nostro ritiro dalla Siria. Per ragioni di...

Drone Houthi sulla parata saudita

C’è chi ieri, sulla stampa internazionale, parlava di «drone kamikaze» per descrivere il velivolo esploso sopra la base militare di al-Anad, Yemen del sud. Il quintale di esplosivo che portava è finito sul podio della parata militare organizzata dall’esercito governativo yemenita e la coalizione...

Al regime la Coppa d’Africa non basta, pioggia di firme per fermare al-Sisi

Panem et circenses è una formula che in Egitto ha poca fortuna. Il pane non c’è e i giochi non occultano le mosse del regime per sopravvivere a se stesso. Martedì Mohammed Salah, il più amato d’Egitto, è stato eletto miglior giocatore africano dell’anno, per la seconda volta. E...

Chi combatte l’Isis per l’Italia è sorvegliato speciale

La notifica è arrivata giovedì: la procura di Torino ha richiesto la sorveglianza speciale per Jacopo, Eddi, Davide, Paolo e «Jack», cinque ragazzi che in questi anni hanno raggiunto la regione a maggioranza curda di Rojava, in Siria, per combattere lo Stato Islamico. Non è previsto un processo...

Israele e prigionieri, al-Sisi straparla

Non è vero che in Egitto ci sono prigionieri politici. E, sì, le relazioni con Israele sono proprio buone. Le dichiarazioni rilasciate dal presidente egiziano al-Sisi sono tanto gravi che il governo è stato costretto a chiedere alla Cbs, a cui l’ex generale aveva rilasciato un’intervista, a non mandarla in...

Boia, misoginia e repressione: il Medioevo 2.0 del regime Saud

Il processo-farsa del secolo è iniziato ieri. Teatro della presa in giro è Riyadh. Sul banco degli imputati undici sauditi sospettati dell’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi, fatto a pezzi nel consolato saudita di Istanbul lo scorso 2 ottobre. Ovviamente su quel banco non c’è il regime. Il regime...

TRUMP RESTA IN SIRIA «PER UN ALTRO PÒ»

Nel già complicato risiko siriano, il presidente statunitense Donald Trump sta muovendo carri armati senza alcuna logica. Mi ritiro subito, anzi tra quattro mesi, chi l’ha detto che me ne voglio andare: questo a grandi linee il riassunto delle ultime puntate della strategia dell’attuale Casa bianca nel paese. Un paese...

L’ultima speranza per Amal Fathy è il suo secondino

Per Amal Fathy la fine dell’anno si era chiusa con un’altra condanna. O meglio una conferma: il 30 dicembre la Corte d’Appello del Cairo aveva confermato la pena a due anni di prigione per insulti e pubblicazione di false notizie. La sua colpa: un video di denuncia di molestie sessuali da lei subite in una banca.UNA...

Tre morti in un naufragio sull’Egeo: la procura turca chiederà l’ergastolo

Tre ergastoli a testa, uno per ogni migrante affogato: è la pena, storica, che il procuratore di Bodrum, città turca sul Mar Egeo, intende chiedere per 14 persone accusate dell’omicidio di tre migranti, riporta il quotidiano turco Hurriyet. IL NAUFRAGIO RISALE al 17 settembre scorso: una piccola imbarcazione con a...

Il ritiro Usa dalla Siria non è più immediato: ancora quattro mesi

Le bandiere a stelle e strisce che sventolano ancora sui veicoli militari a Manbij, nel nord della Siria, sono l’immagine plastica della politica estera al tempo di Donald Trump. Dopo aver annunciato, dieci giorni fa, «l’immediato ritiro» Usa dal paese, ieri con un altro tweet ha fatto sapere al mondo e ai siriani...

Rojava guarda all’Onu e a Damasco. Erdogan «congela» l’attacco

Giovedì, poco dopo l’annuncio del ritiro Usa dalla Siria, in 100mila si sono presentati alla base della coalizione anti-Isis a guida statunitense a Kobane. Curdi, arabi, armeni, turkmeni sono arrivati da Manbij, Raqqa, Ayn Isa con un identico messaggio, racchiuso nella lettera consegnata dal cantone di Kobane ai militari Usa:...

Trump: via dalla Siria. Più vicino l’attacco turco contro Rojava

Lunedì i jet turchi hanno colpito il villaggio di Bene, ad Afrin, cantone curdo nel nord-ovest della Siria: due civili feriti, enormi i danni alle case. Meno di una settimana fa avevano centrato il campo profughi di Makhmour dall’altra parte del confine, nell’Iraq del nord: uccise quattro donne, tra i 14 e i 73 anni. Il...

Egitto, Amal Fathy è stata scarcerata

Amal Fathy è tornata a casa. L’attivista egiziana e moglie di Mohammed Lofty, fondatore dell’Ecrf e consulente della famiglia Regeni, è stata scarcerata ieri pomeriggio dalla Corte di cassazione del Cairo e posta in libertà vigilata. Dovrà presentarsi in commissariato una volta a settimana. Fathy...

Ad Hodeidah inizia la tregua più fragile

La buona notizia per la giovane Shaima Swileh è arrivata mentre ad Hodeidah entrava in vigore una fragilissima tregua: il Dipartimento di Stato Usa ha finalmente rilasciato un visto di ingresso alla yemenita, madre di un bimbo di due anni in fin di vita. Abdullah soffre di una malattia genetica al cervello e secondo i medici...



Pagina 1 di 28